LETTO MATRIMONIALE A BALDACCHINO MOHELI 160x200cm - ORIZZONTI ITALIA

MOHELI

Nuovo prodotto

Letto matrimoniale nella versione alto, realizzato con impiallacciatura in rovere spazzolato bianco, giroletto smontabile e testiera imbottita e sfoderabile. 

Maggiori dettagli

1 Articolo

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO info@liberatosciolicasa.it Tel 085.4223075

0,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

AZIENDA ORIZZONTI ITALIA
PAESE DI PRODUZIONE MADE IN ITALY
UTILIZZO INTERNO
STILE CLASSICO
MATERIALE TESSUTO - ECOPELLE - TESSUTO O PELLE CLIENTE (RIVESTIMENTO SFODERABILE)
MISURA 160x200cm - 170x200cm - 180x200cm - 200x200cm
DI SERIE GIROLETTO SMONTABILE - FINITURA RIVESTIMENTO VELCRATA - RIVESTIMENTO SFODERABILE - PIANO LETTO REGOLABILE IN ALTEZZA
INFORMAZIONI Il nostro studio tecnico e di progettazione può fornirti tutti i servizi, dal rilievo alla progettazione nei minimi dettagli con disegni tecnici e ambientazioni. Pescara via Firenze 4 – 65121 IT Tel/Fax 085.4223075 info@liberatosciolicasa.it
REALIZZIAMO I TUOI PROGETTI SU MISURA LiberatoscioliCASA ti offre un servizio unico ed esclusivo che ti permette di avere una progettazione personalizzata di qualsiasi spazio della tua casa. Basterà solo prendere la misura del tuo spazio.
CONSEGNA In 2-3 settimane, il tuo ordine sarà evaso dal nostro servizio di logistica in modo sicuro e conveniente e consegnato all'indirizzo indicato nell'ordine, tramite i migliori partners logistici specializzati nella gestione di prodotti fragili.
MONTAGGIO FACILE
PREZZI I prezzi pubblicati possono subire variazioni in correlazione di promozioni, strategie commerciali o di aumenti dovuti al prezzo maggiorato di materie prime e fornitori.
POSSO ORDINARE UN PRODOTTO CHE NON TROVO SUL SITO? Certamente sì. Puoi metterti in contatto con noi attraverso il nostro modulo di contatto, il nostro numero di telefono 085.4223075 la nostra chat o inviando un’email a info@liberatosciolicasa.it e comunicarci la marca e il modello che desideri.

Dettagli

MOHELI | Letto a baldacchino con testiera imbottita.

Concepita all’inizio degli anni ’90, Orizzonti non è mai stata e non ha mai voluto essere una scelta puramente estetica.
In un prodotto Orizzonti vi è insita la volontà di fornire un’esperienza appagante. Linee e forme rigorose, pulite, essenziali, quasi a voler ricreare l’archetipo del letto. Filati selezionati che si intrecciano in trame e colori per dar corpo alla nostra personalità. Materiali frutto di scelte ispirate dalla scienza, dalla medicina, dall’ecologia. Prodotti declinati in innumerevoli varianti, dimensioni, soluzioni tecniche che tengono conto degli spazi abitativi più disparati.
Orizzonti è un universo di elementi complementari: letti, divani letto, materassi, guanciali, piumini, cuscini, lenzuola, coordinati. Complementari non solo per funzionalità. Ogni elemento, materiale, o forma non sono mai casuali. Interagiscono tra loro per donare la miglior qualità del sonno possibile. Concorrono a formare quel tutt’uno che è il “Sistema Orizzonti”: un Made in Italy senza compromessi.
Chi lavora a questo progetto ha la passione di seguire tre principi: sartorialità, stile e benessere, perché è consapevole di dar vita ad un silenzioso compagno e a un fedele amico per un altro individuo, per un’altra famiglia. 
Chi lavora in Orizzonti chiama tutto questo: “the Art of Sleeping”.

Stanze per l’Arte

Per loro intrinseca natura le sale di un museo costituiscono uno spazio relazionale per eccellenza, dove le opere d’arte messe in esposizione si affiancano le une accanto alle altre in un continuo intreccio di nessi diversi, di tipo storico, estetico, di linguaggio. Accostamenti, affinità ma anche dissonanze, ogni spostamento crea nuove dinamiche relazionali, e quindi anche nuove chiavi di lettura che si offrono, a loro volta interagendo con il visitatore, al pubblico.

Succede che, per qualche tempo, tra un allestimento e l’altro, tra una mostra e l’altra, queste sale rimangano improvvisamento vuote, modellate solo dalla luce che scorre sulle pareti bianche e il pavimento, lasciando il tempo-e lo spazio- per pensare a un nuovo progetto espositivo, per ipotizzare altre presenze che le rendano nuovamente vive e significanti. In questa magica sospensione temporale, è accaduto che queste stesse sale, per qualche giorno, si siano tramutate in stanze di dimensione più domestica, in vere stanze abitabili, trasformandosi in una sorta di museo di dimensione più intima, individuale e trasmettendo tale dimensione alla stessa fruizione dell’ opera d’arte che, presenza discreta ma determinante, veniva , a sua volta, ad abitarle.

Oggetti del quotidiano, letti, divani, stoffe, tavolini, di nuova concezione e disegno, pensate per l’estetica contemporanea, hanno dunque popolato queste sale ipotizzando un uso più privato e vissuto dell’opera d’arte museale: ogni insieme significante di oggetti ha condiviso questi spazi con l’opera stessa, opera che ha instaurato relazioni visive con tali domestiche presenze, condizionandole fortemente ma anche offrendo una percezione nuova di se. È successo infatti che presenze femminili evocate dalla pittura, i loro sguardi e gesti, abbiano abitato queste nuove stanze del Museo, in modo assolutamente disinvolto e quotidiano, ma che anche cromie, geometrie, gesti e superfici pittoriche, abbiano dialogato con le forme e i colori del design più attuale, che profili e volumi statuari si siano inseriti tra questi oggetti tridimensionali, in un gioco di richiami e contrappunti. Ogni volta l’opera d’arte, scelta in particolare tra quelle nate in questo territorio artistico, testimone dell’identità culturale delle collezioni civiche pordenonesi, ha determinato lo spazio circostante modellandolo, rinnovando con la sua apparizione il valore “aggiunto” dell’Arte e della cultura al nostro vivere quotidiano. Come non ricordare del resto, il desiderio di tanti artisti di travalicare il limite circoscritto della tela, e quindi anche del Museo, tutti sconfinamenti ben rappresentati dalle scenografie e dagli abiti disegnati da Pino Casarini per l’Arena di Verona, o dai teatrini e dai mobili dipinti con piccoli animali e fiori da Luigi Zuccheri, o dalle incursioni di Bottecchia nel graphic design?

L’occhio del fotografo ha poi colto e sottolineato queste relazioni ideali e spaziali tra oggetti e opere d’arte, esaltandole in calcolate angolazioni, fissando la trasformazione dello spazio museale in un continuo fluire di forme e colori, esperienza unica che ha permesso di immaginare nuove fruizioni estetiche, e ancora una volta confermando come lo spazio sia il vero respiro dell’arte.

Auspichiamo che questa esperienza rinsaldi il ruolo vero del Museo contemporaneo sempre più vicino al visitatore, tanto da trasformarsi in una vera casa della bellezza, e la sala asettica e impersonale in una vera stanza abitabile, in cui sentirsi veramente “a casa”, anche all’insegna di una nuova sinergia tra patrimonio artistico e produzione e progettazione, entrambi espressione della cultura vera – e viva - di un territorio.


Conceived at the start of the 1990s, Orizzonti has never been, and never wanted to be, a mere aesthetic choice.
Every Orizzonti product contains the desire to provide a fulfilling experience. Clean, essential and rigorous lines and forms, as if to recreate the archetype of the bed. Selected threads intertwine in weaves and colours to give body to our personality. Materials that are fruit of choices inspired by science, medicine and the environment. Products offered in innumerable variations, dimensions and technical solutions that take account of the most diverse habitable spaces.

Orizzonti is a universe of complementary elements: coordinated beds, sofa-beds, mattresses, pillows, duvets, cushions, and sheets. Complementary not only in their functionality. No element, material or shape is ever a casual choice. They interact with each other to provide the best quality sleep possible. They compete to produce the unified whole that is the “Orizzonti System”: an example of Italian manufacture without compromise. Those who work on this project have a passion for three principles – tailoring, style and well-being – because they know they are giving life to a silent companion, a faithful friend for another individual, for another family. Those who work at Orizzonti call all of this the “Art of Sleeping”.

Art rooms

Each room in a museum is inherently a relational space par excellence, where works of art are exhibited alongside each other in a continuous intertwining of varying relationships – historical, aesthetic, or linguistic. Juxtapositions, affinities, but also dissonances; each repositioning creates new dynamic relationships, and thus new interpretations which in turn, through interacting with the visitor, are offered to the public.

Occasionally, between one installation and the next, between one exhibition and the next, these rooms suddenly remain empty, modeled only by the light that flows across their white walls and floors, leaving time – and space – to consider a new exhibition project, to imagine other elements that will give these spaces new life and significance. During one such magical suspension of time, these same rooms were briefly transmuted into rooms with more domestic dimensions – into truly habitable rooms – transforming themselves into a sort of museum with a more intimate, individual dimension and passing that quality onto the same enjoyment of the works of art that came to inhabit them discreetly but decisively.

Everyday objects – beds, sofas, textiles, tables – all with a new concept and designed for contemporary aesthetics – thus occupied these rooms, assuming a more private and lived use of the museum work of art: Each significant ensemble of objects shared these spaces with the work itself, a work that established visual relationships with these domestic presences, strongly conditioning them but also offering a new perception of themselves. What happened, in fact, was that the feminine presences evoked by painting, their gazes and gestures, occupied these new museum rooms in a totally casual and everyday way, but also that tones, geometries, gestures and painted surfaces dialogued with the shapes and colours of the latest design, that statuary profiles and volumes were inserted among these three-dimensional objects, in a play of references and counterpoints. Each time, the work of art, chosen in particular from among those created in this artistic region, testimony of the cultural identity of the civic collections of Pordenone, defined the surrounding space, modeling it, renewing the “added” value of Art and culture for our daily living with its appearance. Besides, how not to remember the desire of many artists to go beyond the limits of the canvas and, consequently, the Museum itself, all violations of limits well represented by the sets and costumes designed by Pino Casarini for the Verona Arena, or by the toy theatres and furniture painted with small animals and flowers by Luigi Zuccheri, or by the incursions of Bottecchia into graphic design?

The photographer’s eye has then picked up and underlined these ideal and spatial relationships between objects and works of art, exalting them with calculated angles, fixing the transformation of the museum space in a continuous flow of forms and colours creating a unique experience that permits us to imagine new aesthetic enjoyments, and once more confirming how space is the very breath of art. We hope this experience reinforces the true role of the contemporary Museum closer and closer to the visitor, enough to turn itself it into a genuine house of beauty, and the ascetic and impersonal room into a truly habitable space where one can feel truly “at home”, also marked by a new synergy between artistic heritage and production and design, each an expression of the true– and living – culture of a territory.

Recensioni

Scrivi una recensione

LETTO MATRIMONIALE A BALDACCHINO MOHELI 160x200cm - ORIZZONTI ITALIA

LETTO MATRIMONIALE A BALDACCHINO MOHELI 160x200cm - ORIZZONTI ITALIA

Letto matrimoniale nella versione alto, realizzato con impiallacciatura in rovere spazzolato bianco, giroletto smontabile e testiera imbottita e sfoderabile. 

16 altri prodotti della stessa categoria: