DANESE MILANO - BELVEDERE SPECCHIO DESIGN JAMES IRVINE

BELVEDERE

Nuovo prodotto

BELVEDERE riproduce la forma dell’Italia in grandi dimensioni: una forma familiare che diviene cos inedita e, oltre ad ampliare otticamente lo spazio, conferisce un tocco d’ironia all’ambiente in cui si vive.

danese milano

Maggiori dettagli

2 Articoli

519,90 € tasse incl.

Scheda tecnica

AZIENDA DANESE MILANO
PAESE DI PRODUZIONE MADE IN ITALY
DESIGNER Alvaro Siza 2014
ANNO DI PRODUZIONE 2014
STILE MODERNO
UTILIZZO INTERNO
MATERIALE Specchio in metacrilato con supporto in PVC espanso
PROPRIETA' Tutti i prodotti DANESE che rientrano nell’ambito di applicazione della direttiva europea bassa tensione B.T. 2006/95/CE soddisfano i requisiti richiesti e recano la marcatura “ ” .
MISURA Altezza 107 cm, larghezza 88 cm
NUMERO COLLI 1
DI SERIE E' corredato da una dima per fissarlo correttamente al muro tramite i tasselli in dotazione - A template is given in order to correctly hang the mirror on the wall using the supplied nogs
CONSEGNA In 1-2 settimane, il tuo ordine sarà evaso dal nostro servizio di logistica in modo sicuro e conveniente e consegnato all'indirizzo indicato nell'ordine, tramite i migliori partners logistici specializzati nella gestione di prodotti fragili.
MONTAGGIO Posizionare la cartina contenuta nella scatola sulla parete in cui si desidera collocare lo specchio. Predisporre i fori nei punti in corrispondenza dei segni circolari, inserire i chiodi a testa larga nei fori stessi e appendere lo specchio.
POSSO ORDINARE UN PRODOTTO CHE NON TROVO SUL SITO? Certamente sì. Puoi metterti in contatto con noi attraverso il nostro modulo di contatto, il nostro numero di telefono 085.4223075 la nostra chat sul sito o inviando un’email a info@liberatosciolicasa.it e comunicarci la marca e il modello che desideri.

Dettagli

BELVEDERE - DESIGN James Irvine, 2006

BELVEDERE riproduce la forma dell’Italia in grandi dimensioni, una forma familiare che diviene cosa inedita e, oltre ad ampliare otticamente lo spazio, conferisce un tocco d’ironia all’ambiente in cui si vive. BELVEDERE la prima esperienza di un percorso che può evolversi in ulteriori forme, rappresentando ulteriori nazioni.

“Se si sfoglia un atlante, uno di quelli a colori pastello, si vede subito la forma di ogni paese. Alcuni sono belli, alcuni sono brutti. Alcuni sono interessanti, alcuni sono noiosi. L’Italia ha la fortuna di essere veramente il Bel Paese, infatti non proprio un complimento chiamarlo ÒstivaleÓ: a me piuttosto sembra una gamba ed proprio un bel vedere. Dove si potrebbe mettere questo specchio? In pizzeria, in agenzia di viaggio, nel foyer di una grossa societ italiana e magari sar utile a qualche bella ragazza per mettersi il rossetto.

Nel futuro chiss, si potrebbero fare altri specchi con la forma di altri paesi del mondo”

Design JAMES IRVINE: Nato a Londra nel dicembre 1958, ha studiato design presso il Kingston Polytechnic Design School di Londra (1978-81, diploma Bachelor of Arts), diplomandosi poi anche al Royal College of Art (1981-84, Master of Arts – design). Si è trasferito a Milano nel 1984. Dal 1984 fino al 1992 ha lavorato come consulente di design per lo studio di progettazione di Olivetti a Milano, realizzando prodotti industriali sotto la direzione di Michele De Lucchi e Ettore Sottsass. 

Nel 1987, nel contesto di uno scambio culturale organizzato da Olivetti, ha lavorato per un anno presso il Toshiba Design Centre di Tokyo, eseguendo ricerche di design per prodotti industriali. Tornato a Milano nel 1988, ha aperto il suo studio. 

Fra i suoi clienti: Cappellini, CBI, BRF e SCP. Contemporaneamente poi, dal 1993 al 1997, faceva parte della Sottsass Associati come socio e capo del reparto di industrial design. Nel 1993 ha avuto la sua prima mostra personale presso il Royal College of Art di Stoccolma e nel 1999 una retrospettiva dei suoi lavori più recenti è stata in mostra ad Asplund Stoccolma. 

Nel 1999 ha completato il design del nuovo autobus per il parco mezzi Üstra del trasporto pubblico di Hannover. Mercedes Benz ne ha già costruiti 131 esemplari. Attualmente il suo studio di Milano lavora con aziende di rinomanza internazionale, tra le quali Artemide, B&B Italia, WMF, Alfi, Magis, Whirlpool, Arabia, Mabeg e Canon Japan.

danese milano

“If you flik through an atlas, one of those in pastel colours, you immediately see the shape of each country. Some are beautiful, some are ugly. Some are interesting, some are boring. Italy has the fortune of really being a “Beautiful Country”, it is not really a compliment to call it “the boot”. For me it seems more like a leg. A leg which is rather beautiful. Where could you hang this mirror? In a pizzeria, in a travel agency or in the foyer of an important Italian company where it might be useful for a beautiful girl to put on her lipstick…”

James Irvine, Milano 2006

Materials Methacrylate mirror with an expanded PVC support.

Dimensions cm 88x107hx1,3s

danese milano

“Lorsque l’on feuillète un atlas, un atlas ayant des teintes pastel, on distingue immédiatement la forme de chaque pays. Certains sont beaux, d’autres sont laids. Certains sont intéressants, d’autres sont ennuyeux. L’Italie a la chance d’être vraiment le Beau Pays. En effet, ce n’est pas vraiment un compliment que de l’appeler la « botte ». A mon avis, elle ressemble plutôt à une jambe, ce qui est beau à voir. Où pourrait-on mettre ce miroir? Dans une pizzeria, dans une agence de voyage, dans le hall d’une grande société italienne ? Il pourrait même être fort utile à une belle fille pour se mettre du rouge aux lèvres…” James Irvine, Milano 2006

Matériel Miroir en méthacrylate, avec support en PVC expansé.

Dimension cm 88x107hx1,3s

danese milano

Danese propone oggi due collezioni Light e Space Design Environmental Innovation che interpretano in chiave contemporanea i valori del suo dna storico. Dal 1957, anno della sua nascita, Danese prende come riferimento l’uomo e i suoi bisogni e  si configura come luogo di sperimentazione da cui nascono risposte elementari ai bisogni di una società e di un contesto in evoluzione: figure che hanno fatto la storia del design italiano come Bruno Munari ed Enzo Mari sviluppano così prodotti innovativi, interpretazioni attuali e senza tempo degli oggetti di uso quotidiano.

L’attività di Danese inizia infatti come un laboratorio artigianale per la realizzazione e la vendita di oggetti unici e pezzi d’artista ma il significativo incontro con questi due maestri del design italiano segna una apertura alla produzione industriale: nasce così una nuova collezione di oggetti non più solo esclusivamente indirizzati ad un mercato elitario. Danese diventa un vero e proprio laboratorio sperimentale aperto per l’ideazione e la produzione di progetti che affrontano e rispondono ai molteplici temi relativi alla vita dell’uomo a casa  e negli spazi del lavoro, nel gioco e nella  lettura, nell’arte della comunicazione.

Ancora oggi la collezione Danese e’ pensata per collaborare con le diverse competenze  produttive artigianali e industriali accogliendo nella sua collezione prodotti ad alta tiratura e pezzi unici firmati e numerati.

danese si configura quindi come luogo di sperimentazione metodologica e materica: il  progetto è ricerca e cultura, parte da un approccio antropologico unito ad una costante innovazione tecnologica.

Riconoscimento e testimonianza di questo percorso di costante ricerca sono ad esempio i brevetti di invenzione depositati nel campo della luce, le diverse segnalazioni Compasso d’oro nel corso degli anni e il Compasso d’oro assegnato nel 2011 nell’ambito del catalogo space. 

L’intera collezione danese è frutto di un lash up tra diverse competenze e valori: grazie alla condivisione di una visione e allo scambio culturale con un team di designer internazionali Danese propone una nuova generazione di prodotti che consentono una diversa visione degli spazi, creano scenari aperti che superano qualsiasi standardizzazione e invitano a intervenire consapevolmente nella definizione del proprio ambiente.

Danese da sempre adotta un codice linguistico elementare ma riconoscibile dove la sottrazione e la semplicità si traducono in un’espressività frutto di intelligenza progettuale e non di formalismi a favore di una lunga durata non solo materica ma anche semantica.

Danese unisce quindi la qualità del design alla qualità ecosostenibile del progetto attraverso scelte consapevoli delle implicazioni produttive, logistiche ed energetiche lungo tutto il ciclo di vita del prodotto.

Una collezione completa e trasversale di luce, complementi e sistemi d’arredo adatta in ogni tipo di spazio – dall’abitazione all’ufficio all’ambiente pubblico – permette di modificare e qualificare la fruizione e la vivibilità dei luoghi, con soluzioni flessibili e personali per ricreare una qualità ambientale.

Questa è intesa non solo come qualità dello spazio con cui l’uomo si relaziona attraverso la luce e gli oggetti ma anche come  rispetto per l’ambiente.

L’opportunità di determinare i propri spazi è vista come una nuova prospettiva di rispetto del pianeta per un bilancio energetico positivo, impegnato nel mantenerne le risorse, soprattutto nel campo della luce che in modo più evidente attinge continuamente al patrimonio energetico del mondo.

Con Danese Light e Space Design il vivere contemporaneo acquisisce nuove possibilità linguistiche ed insieme si confronta con le riflessioni positive di una progettualità consapevole, che apre nuovi significati al mondo del design. 

Recensioni

Scrivi una recensione

DANESE MILANO - BELVEDERE SPECCHIO DESIGN JAMES IRVINE

DANESE MILANO - BELVEDERE SPECCHIO DESIGN JAMES IRVINE

BELVEDERE riproduce la forma dell’Italia in grandi dimensioni: una forma familiare che diviene cos inedita e, oltre ad ampliare otticamente lo spazio, conferisce un tocco d’ironia all’ambiente in cui si vive.

danese milano

30 altri prodotti della stessa categoria: