MARAZZI - Treverkmust pavimento effetto legno

Treverkmust

Nuovo prodotto

La collezione Treverkmust restituisce il sapore delle assi sbiancate e trattate a olio con una doppia proposta: grandi nodi stuccati, venature e variazioni cromatiche nella versione base, e grafiche prive di nodi per la più raffinata alternativa Selection. Ad ampliare le potenzialità progettuali, il versatile formato Chevron, per coniugare un’eleganza essenziale a uno stile colto e cosmopolita.

logoMarazzi.gif

Maggiori dettagli

0,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

AZIENDA MARAZZI
PAESE DI PRODUZIONE ITALIA
UTILIZZO INTERNO/ESTERNO
COLORI DISPONIBILI Treverkmust Beige - Treverkmust Brown - Treverkmust Taupe - Treverkmust White
MISURE 25x150 cm
SPESSORE MM 10,5
INFORMAZIONI Il nostro studio tecnico e di progettazione può fornirti tutti i servizi, dal rilievo alla progettazione nei minimi dettagli con disegni tecnici e ambientazioni. Pescara via Firenze 4 - 65121 (Italia) Tel/Fax 085.42 23 075 info@liberatosciolicasa.it
REALIZZIAMO I TUOI PROGETTI SU MISURA Inviaci il tuo progetto per un preventivo personalizzato. Puoi inoltre richiede la visita di un nostro incaricato per visionare la campionatura dei materiali.
CONSEGNA In 1/2 settimane, il tuo ordine sarà evaso dal nostro servizio di logistica in modo sicuro e conveniente e consegnato all'indirizzo indicato nell'ordine, tramite i migliori partners logistici specializzati nella gestione di prodotti fragili.
MONTAGGIO Ti possiamo fornire il montaggio del prodotto eseguito dal nostro personale specializzato che dopo una accurata pianificazione si impegnerà a garantirti il massimo risultato nei tempi prestabiliti.
POSSO ORDINARE UN PRODOTTO CHE NON TROVO SUL SITO? Certamente sì. Puoi metterti in contatto con noi attraverso il nostro modulo di contatto, il nostro numero di telefono 085.4223075 la nostra chat sul sito o inviando un’email a info@liberatosciolicasa.it e comunicarci la marca e il modello che desideri.

Dettagli

La collezione Treverkmust restituisce il sapore delle assi sbiancate e trattate a olio con una doppia proposta: grandi nodi stuccati, venature e variazioni cromatiche nella versione base, e grafiche prive di nodi per la più raffinata alternativa Selection. Ad ampliare le potenzialità progettuali, il versatile formato Chevron, per coniugare un’eleganza essenziale a uno stile colto e cosmopolita.

Colori: Treverkmust Beige - Treverkmust Brown - Treverkmust Taupe - Treverkmust White

Formati: 25x150

Spessore: MM 10,5

250X1500 TRVKMUST WH RT 25x150 cm M05E - TREVERKMUST WHITE RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST BG RT 25x150 cm M05F - TREVERKMUST BEIGE RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST BR RT 25x150 cm M05G - TREVERKMUST BROWN RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST TAU RT 25x150 cm M05H - TREVERKMUST TAUPE RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST WH SE RT 25x150 cm M05J - TREVERKMUST WHITE SELECTION RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST BG SE RT 25x150 cm M05K - TREVERKMUST BEIGE SELECTION RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST BR SE RT 25x150 cm M05L - TREVERKMUST BROWN SELECTION RT Treverkmust


250X1500 TRVKMUST TA SE RT 25x150 cm M05M - TREVERKMUST TAUPE SELECTION RT  Treverkmust

732X118  TRVKMUST WH CHE

M0C9 - TREVERKMUST WHITE CHEVRON Treverkmust

732X118  TRVKMUST BG CHE

M0CA - TREVERKMUST BEIGE CHEVRON Treverkmust

732X118  TRVKMUST TA CHE

M0CC - TREVERKMUST TAUPE CHEVRON Treverkmust

732X118  TRVKMUST TA CHE

M0CC - TREVERKMUST TAUPE CHEVRON Treverkmust
732X118  TRVKMUST BR CHE
M0CD - TREVERKMUST BROWN CHEVRON Treverkmust
732X118  TRVKMS WH SE CHE

M0CE - TREVERKMUST WHITE SELECTION CHEVRON Treverkmust

732X118  TRVKMS BG SE CHE

M0CF - TREVERKMUST BEIGE SELECTION CHEVRON Treverkmust

732X118  TRVKMS TA SE CHE

M0CG - TREVERKMUST TAUPE SELECTION CHEVRON Treverkmust

732X118  TRVKMS BR SE CHE

M0CH - TREVERKMUST BROWN SELECTION CHEVRON Treverkmust

Come pulisco le mie piastrelle di ceramica? La ceramica è un materiale estremamente facile e veloce da pulire. Pavimenti e rivestimenti possono essere lavati con acqua calda e un normale detergente neutro facilmente reperibile in commercio oppure con soluzioni miste di acqua e alcol o anche acqua, alcol e ammoniaca, o acqua e candeggina. Dipende dal materiale: in caso di ceramiche lappate o lucide o con decorazioni applicate, la pulizia deve essere più frequente e i prodotti da utilizzare poco aggressivi; in caso di gres tecnici possono essere usati anche detergenti più acidi. I pavimenti ceramici sono adatti anche per essere puliti con le idro-pulitrici, utili nel caso di grandi superfici, e con i nuovi robot.

Le fughe delle piastrelle, come pulirle in modo efficace? Sono davvero innumerevoli i modi per pulire le fughe delle piastrelle e se non siete simpatizzanti dei prodotti chimici dovete sapere che esistono numerosi metodi naturali.

Un ottimo alleato è qualcosa che di sicuro avete in casa: il bicarbonato di sodio.

Bisognerà scioglierlo in abbondante acqua calda e versarlo sulle fughe. Dopo aver lasciato agire per circa dieci minuti la soluzione di bicarbonato e acqua, sarà necessario iniziare a strofinare utilizzando una spugnetta.

Se lo sporco si dimostra particolarmente ostile, è allora consigliato passare sulle fughe uno spazzolino da denti oppure una spazzola. Dopo aver terminato, si potrà procedere a lavare la superficie con abbondante acqua e un normale detergente, per rimuovere eventuali residui di sporco e di bicarbonato.

Per fughe bianche/chiare potete anche utilizzare il percarbonato di sodio, uno sbiancante eco-compatibile e non inquinante che renderà bianchissime le vostre fughe.

Non solo: se proprio non avete il bicarbonato in casa, potete provate ad esempio con l'acqua ossigenata che, spruzzata tra le fughe e poi rimossa con lo spazzolino, andrà a eliminare efficacemente sporco e polvere. Per tutti questi metodi consigliamo di utilizzare dispositivi di protezione degli occhi e delle mani.

Anche l'aceto di mele è un ottimo alleato contro lo sporco: diluito con un po' d'acqua e lasciato agire per cinque minuti, va poi rimosso con un panno impregnato di acqua calda.

Esiste infine un elettrodomestico perfetto proprio per questo tipo di pulizia: il pulitore a vapore. L'elettrodomestico andrà passato con cura seguendo la linea delle giunzioni mentre per completare la pulizia bisognerà poi lavare la superficie con acqua e un normale detergente.

Pulizia a vapore: un sistema ecologico e naturale: Le pulizie di casa, seppur necessarie per vivere in un ambiente pulito ed igienizzato, si sa non sono di certo un’attività piacevole. Oggigiorno, fortunatamente, diverse sono le proposte del mercato nostre alleate nella pulizia delle superfici di casa. Tra queste senza dubbio il sistema che presenta maggiori vantaggi è la pulizia a vapore.

Ottimo per pulire il gres porcellanato e per pulire le fughe del pavimento, il vapore è un sistema ecologico e naturale che non necessita del ricorso a detersivi, permettendo così di agire in tutta sicurezza senza l’utilizzo di agenti chimici. Nei detergenti di uso comune infatti sono presenti sostanze che possono provocare allergie o fastidi, danneggiando soprattutto i soggetti più deboli, i bambini e gli animali domestici. Il vapore inoltre, pur pulendo in profondità, asciuga in fretta garantendo un'igienizzazione totale dei locali e riducendo la presenza di germi e batteri velocemente, perfetto per pulire le piastrelle del bagno, ma anche per gli altri ambienti interni.

Come funziona la pulizia a vapore? Gli apparecchi in commercio, trasformando l’acqua in vapore (ad alta temperatura e ad una determinata pressione), permettono di ottenere una forza pulente e igienizzante naturale, che nessun detergente chimico riesce a raggiungere. L’alta temperatura infatti neutralizza il carico statico che si forma nelle particelle di polvere, e nel contempo riesce a sciogliere anche lo sporco più ostinato. Il vapore poi agisce in modo tale che le superfici rimangano pulite più a lungo. 

L’utilizzo della macchina a vapore è molto semplice! Basta riempire il serbatoio (come indicato nelle istruzioni) e, una volta che la pressione all'interno della caldaia raggiunge la giusta temperatura, si può iniziare a passare in maniera lenta il getto di vapore su tutta la superficie.

Che ampiezza e che colore devono avere i giunti (le fughe) delle mie piastrelle di ceramica? L’unica regola è che le piastrelle devono avere preferibilmente un giunto minimo (circa 2mm) , ovvero uno spazio elastico tra una lastra e l’altra per poter assorbire le tensioni a cui ogni superficie rigida viene sottoposta nel tempo (per esempio, cambi di temperatura o assestamenti strutturali dell’edificio).

Le fughe tra le piastrelle diventano parte integrante del progetto poiché concorrono a definire  sia l’aspetto estetico sia le prestazioni tecniche della superficie finale. La scelta dell’ampiezza delle fughe (che puo’ variare in media da 1 a 3 mm) e del materiale di riempimento riveste quindi un’importanza decisiva. Ecco quali aspetti è necessario valutare.

Colori a contrasto o tono su tono? Attualmente in commercio esistono prodotti sigillanti di diverse colorazioni, da scegliere a seconda del grado di visibilità che si intende dare al reticolo delle fughe. È possibile realizzare fughe tono su tono, in abbinamento al colore delle piastrelle scelte, oppure a contrasto, colorate e ben visibili per fornire una ‘lettura’ diversa e personale del materiale.

Bordi rettificati: I bordi delle piastrelle sono funzionali alla fuga che si intende realizzare. I bordi rettificati consentono di essere accostati riducendo al minimo la fuga, per un effetto di superficie continua ideale nei contesti dallo stile contemporaneo (giunto minimo). Le piastrelle dai bordi non rettificati  necessitano di una fuga più ampia (superiore a 2-3 mm), con un effetto stilistico più tradizionale (giunto aperto).

Prodotti per la sigillatura: La sigillatura delle fughe dovrà essere effettuata utilizzando prodotti conformi alla norma UNI EN 13888, che posseggano caratteristiche tali da soddisfare i requisiti progettuali e le condizioni cui saranno soggette, anche a livello di possibili aggressioni chimiche. Solo così si avrà la certezza di ottenere una protezione delle fughe da sporco, infiltrazioni d’acqua e proliferazione di batteri.

Ho acquistato per il mio nuovo appartamento gres effetto legno della Marazzi. Chiedo quale sia il tipo di prodotto più adatto da usare per la manutenzione nonché il tipo di trattamento di pulizia più idoneo da effettuare dopo la posa. Ottima scelta! Di seguito alcune indicazioni che la aiuteranno ad avere un risultato ottimale. Per avere pavimenti e rivestimenti esteticamente perfetti e di facile manutenzione, le fasi della pulizia dei materiali durante e dopo la posa sono cruciali, da svolgere secondo criteri precisi.

Pulizia durante la posa (eseguita dal professionista che effettua la posa in opera) Dopo la posa delle piastrelle sul massetto, le ‘fughe’ (ovvero gli spazi di circa 2 mm tra una lastra e l’altra, necessari per assicurare elasticità e stabilità del pavimento nel tempo) vengono ‘stuccate’ (cioè riempite con stucco apposito, di solito tono su tono.)

Questa fase è molto importante e va eseguita con la massima cura da parte del posatore, perché l’indurimento degli eccessi di stucco, senza la rimozione accurata del fugante in eccesso quando ancora non è del tutto secco, rende più sporcabile il pavimento e più difficile la pulizia ordinaria. Per questo motivo è necessario procedere alla stuccatura di 4-5 mq per volta ed eliminare l’eccesso di stucco dalla superficie (con spugna e acqua pulita) appena inizia ad asciugare. Proprio perché in questa fase lo stucco è ancora abbastanza umido, i movimenti devono essere leggeri, ripetuti e diagonali, per evitare di ‘svuotare’ le fughe ma avendo cura di eliminare tutti i residui dalle lastre soprattutto se presentano, come le lastre effetto legno, una superficie ‘naturale’ non perfettamente liscia.

Questo passaggio è fondamentale per tutte le piastrelle, ma indispensabile per quelle più strutturate e per quelle da esterno che presentano una superficie ruvida e antiscivolo.

Se questa semplice pulizia con acqua non viene effettuata al momento opportuno, lo stucco (che è ovviamente adesivo) può depositarsi in piccole particelle in modo permanente sulla lastra e lasciare, anche dopo la pulizia finale, antiestetici aloni.

Pulizia di fine cantiere: Il lavaggio acido dopo la posa è fondamentale per eliminare i residui del cantiere (colla, pittura, polvere). Questo lavaggio deve essere eseguito una volta completata l’essicazione dello stucco cementizio, almeno 24-48 ore per prodotti a presa e asciugamento rapido e comunque in conformità a quanto indicato dai produttori dello stucco. Si chiama lavaggio acido perché è necessario usare un detergente acido (ce ne sono molti ottimi in commercio) diluito in acqua. 

La fasi sono le seguenti e dovrebbero essere eseguite dai professionisti che hanno seguito la posa in opera:

  1. Spazzare bene il pavimento per eliminare la polvere di cantiere

  2. Diluire il detergente acido in acqua secondo le istruzioni riportate sulla confezione del detergente (per pavimenti naturali la soluzione può essere + acida; per le pavimentazioni o i rivestimenti lucidi o lappati meglio una soluzione meno acida).

  3. Distribuire il prodotto disincrostante utilizzando un normale spazzettone

  4. Lasciare agire qualche minuto

  5. Intervenire energicamente con spugna abrasiva nelle zone più incrostate;

  6. Raccogliere i residui con stracci e risciacquare con abbondante acqua pulita.

In caso di utilizzo di stucchi epossidici è bene utilizzare detergenti appositi e seguire scrupolosamente le indicazioni dei produttori per quanto riguarda la loro preparazione e applicazione. Solitamente è consigliato l’utilizzo di un prodotto a base acida opportunamente diluito in acqua a seconda della superficie da trattare. (Il rivenditore saprà darle tutte le specifiche)

Manutenzione ordinaria: La ceramica e il gres sono estremamente facili e veloci da pulire. Pavimenti e rivestimenti possono essere lavati con acqua calda e un normale detergente neutro o con una semplice soluzione di alcol e acqua. 

Come posso posare al meglio le mie piastrelle di ceramica? La posa corretta delle piastrelle gioca un ruolo fondamentale al fine di garantire la bellezza e la durabilità del rivestimento ceramico. La corretta preparazione del supporto e la scelta di adesivi e sigillanti adeguati al tipo di piastrella da posare e alle specifiche condizioni di esercizio (interno/esterno, parete/pavimento, traffico leggero/pesante, etc.) consentono di ottenere ottimi risultati e di durare nel tempo. Affidarsi a posatori qualificati e utilizzare prodotti conformi alle normative nazionali e internazionali è quindi di primaria importanza.

L'ambiente di destinazione e il progetto di posa: L’ambiente di destinazione e l’effetto finale desiderato sono i parametri principali da tenere in considerazione. Il tipo di carichi cui le superfici piastrellate saranno soggette in esercizio e la loro intensità devono essere noti prima della scelta delle piastrelle ceramiche, che dovranno possedere caratteristiche idonee a garantirne la necessaria durabilità, e avere un’idea precisa del progetto di posa, prima di iniziare a posare, è fondamentale per il risultato finale. E’ necessario calcolare le quantità di prodotto necessarie, tenendo conto della superficie da rivestire, del numero di tagli eventualmente previsti e di una piccola scorta di materiale in più, per avere garanzia di avere stesso tono e stesso calibro in caso di sostituzione o ristrutturazione di una parte dell’ambiente.

Il progetto di posa è indispensabile in caso di ambienti irregolari e molto utile in caso di formati particolari, come le lastre lunghe e strette, per esempio, che possono essere posate in modi molto diversi.

Meglio fornire al posatore una foto dell’ambiente finale desiderato e/o dello schema di posa consigliato o preparato dal progettista  in modo che predisponga in cantiere anche le attrezzature professionali necessarie per la posa, che possono variare a seconda dei materiali.

Il sottofondo: Il sottofondo, oltre a garantire la planarità del rivestimento ceramico, deve possedere resistenze meccaniche tali da sopportare i carichi previsti durante l’impiego delle superfici, anche di tipo accidentale. Al momento della posa il supporto si dovrà presentare pulito, planare, stagionato (cioè dimensionalmente stabile) e privo di discontinuità o sostanze che possano compromettere le successive adesioni. Per questo, prima della posa, è necessario far verificare la planarità del massetto, aspettare il tempo corretto in caso di massetto nuovo perché possa essere considerato stabile (dipende dai materiali del massetto, il tempo varia da poche ore a 1 mese a seconda) e pulire bene la superficie del massetto prima di mettere la colla e iniziare la posa.

Marazzi

Marazzi è leader internazionale nel settore delle piastrelle di ceramica.
Esperienza e capacità di innovazione, creatività e design, tradizione e cultura, amore per la ceramica, attenzione all'ambiente, sono i punti di forza delle ceramiche Marazzi che danno forma agli spazi dell'abitare, dal 1935, combinando estetica ed elevata qualità dei materiali.

Qualità e Ambiente: Qualità per Marazzi significa qualità di prodotto, processo e sostenibilità ambientale, attenzioni che hanno permesso all'azienda di certificare i propri sistemi e i propri prodotti. Per Marazzi amare la ceramica significa da sempre rispettare l'ambiente, inteso come paesaggio umano e naturale.

Ricerca e Sviluppo: Fin dalle sue origini, Marazzi ha dedicato importanti risorse all'attività di ricerca e sviluppo, producendo al proprio interno, o in collaborazione con i principali fornitori di impianti e macchinari, la tecnologia necessaria per realizzare i propri prodotti, sviluppando un significativo know-how tecnologico all'interno del Gruppo.

Recensioni

Scrivi una recensione

MARAZZI - Treverkmust  pavimento effetto legno

MARAZZI - Treverkmust pavimento effetto legno

La collezione Treverkmust restituisce il sapore delle assi sbiancate e trattate a olio con una doppia proposta: grandi nodi stuccati, venature e variazioni cromatiche nella versione base, e grafiche prive di nodi per la più raffinata alternativa Selection. Ad ampliare le potenzialità progettuali, il versatile formato Chevron, per coniugare un’eleganza essenziale a uno stile colto e cosmopolita.

logoMarazzi.gif

22 altri prodotti della stessa categoria: